Annuncio

http://digilander.libero.it/PensieriInVolo/gifstelline/divisorestelline.gif





In classifica
http://digilander.libero.it/PensieriInVolo/gifstelline/divisorestelline.gif
sito internet
http://digilander.libero.it/PensieriInVolo/gifstelline/divisorestelline.gif
10000 punti ottenuti
http://digilander.libero.it/PensieriInVolo/gifstelline/divisorestelline.gif
Sito d'argento
http://digilander.libero.it/PensieriInVolo/gifstelline/divisorestelline.gif
astroastro.forumattivo.com
http://digilander.libero.it/PensieriInVolo/gifstelline/divisorestelline.gif

L’Astrologia Naadi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

avatar
Dolcestella
Admin
Messaggi : 449
Data d'iscrizione : 08.11.16
Età : 30

MessaggioDolcestella il Dom Nov 13, 2016 4:33 pm

Qualcuno di voi ha mai sentito parlare delle ''famose foglie del destino'' ovvero L'ASTROLOGIA NAADI.
Forse ne avete sentito già parlare tempo fa in tv, si tratta un archivio in cui sarebbe contenuta la storia passata, presente e futura degli uomini.

La leggenda narra che più di 5000 anni fa, il saggio Sukha, figlio di Veda Vyasa, avesse messo per iscritto numerosi testi profetici su foglie di palma, testi che furono da allora conosciuti con il nome di Sukha Naadi Granthi.

I Shastra, si ritiene, che siano stati i primi ad essere composti molto tempo fa dai Sapta Rishi (sette saggi) – Agasthya, Kausika, Vyasa, Bohar, Bhrigu, Vasishtha e Valmiki.
Il centro principale nel quale si svolge ancora oggi la lettura dei Naadi Shastra è nel Vaitheeswarankoil, nei pressi di Chidambaram nel Tamil Nadu, uno stato nel sud dell’India.
Qui Lord Shiva, si narra, che ha assunto il ruolo di un vaidhya (un medico), dedito a cercare di alleviare le sofferenze dei propri devoti.
Fino al 1930, i Naadi sono rimasti non più che un antico retaggio: erano poco utilizzati quando, non, addirittura, incomprensibili da parte della maggioranza degli astrologi indù.
La conservazione delle foglie di palma Naadi la e la traduzione dal sanscrito in una forma antica della lingua Tamil è stata effettuata, su larga scala, circa 1000 anni fa, durante il regime dei re di Tanjore (dal 9 al 13 secolo dC).
Quando, poi, con il passare del tempo e l’usura, le foglie hanno iniziato a rompersi, i governanti Tanjore hanno incaricato una serie di studiosi di trascrivere il tutto su fresche ola (foglie di palma). Alcuni dei grantha Naadi sono stati anche tradotti in un’altra lingua indiana del Sud, Telugu.
Ogni Naadi è costituito da una ola particolare o una foglia di palma, scritta in ezathu vatta, lingua tamil, tramite uno strumento simile ad un chiodo chiamato ezuthani.
Le foglie di palma sono preservate venendo sfregate con olio di pavone, quando vengono utilizzate per i vaticini. Vengono conservate, specialmente, nella biblioteca Mahal Saravasti di Tanjore, nel sud dello stato indiano del Tamil Nadu.
Le previsioni dei Naadi sono, in generale, espresse in forma di commenti, anche se nei Shiva Naadi sono presenti come conversazioni tra il Dio Shiva e Parvati Mata, che esprimono la loro preoccupazione e le benedizioni su di loro devoti.
I contenuti delle varie foglie sono una serie di manoscritti altamente organizzati divisi in sedici capitoli o kandams. Le Kandams descrivono i vari aspetti della vita materiale e spirituale del destino di un individuo come la famiglia, il matrimonio, professione, ricchezza.
IL PERCORSO DI LETTURA
Il percorso di lettura del destino inizia fissando un appuntamento, con circa due settimane di anticipo, perché, oggi, i lettori Naadi sono molto occupati. Il giorno stabilito, prima che la cerimonia inizi, ai partecipanti viene domandato di registrarsi depositando, su piccoli fogli di carta, l’impronta digitale del proprio pollice (il destro per gli uomini ed il sinistro per le donne) ed un nome, non necessariamente il proprio vero.
Le impronte digitali sono state suddivise in 108 categorie, per potere procedere alla particolare lettura Naadi.
Quindi, il primo passo è di stabilire a quale delle suddette categorie corrisponde l’impronta digitale del pollice. Una volta rintracciato il gruppo di appartenenza, il lettore Naadi inizia la ricerca tra le foglie di palma.
L’operazione di indagine è molto lunga e può durare anche l’intera giornata. Invero il processo di individuazione è scandito da due diverse fasi: nella prima il lettore Naadi, tramite l’impronta digitale, identifica un certo numero di foglie che le corrispondono e tra le quali ci potrebbe essere la specifica del soggetto in questione, nella seconda, con l’aiuto del soggetto stesso, al quale il lettore pone una serie di domande, viene trovata la sua foglia personale.

Quindi, appena il lettore seleziona le potenziali foglie del destino, chiede al soggetto che lo ha interpellato di accomodarsi in una stanza, per dare inizio alla seconda fase di scrematura.
Prima di incominciare, a chi lo interpella, il lettore chiede di rispondere ad una serie di quesiti ai quali si deve, semplicemente, rispondere con un ‘sì’ o un ‘no’, per non fornire ulteriori informazioni e dettagli.
Il lettore apre il primo gruppo di foglie ed inizia a leggere, ad alta voce, i contenuti in lingua tamil. Ogni volta che il lettore identifica qualche informazione che potrebbe essere abbastanza importante per formulare una domanda, interrompe la lettura e comunica all’interpretare che lo accompagna il quesito.
Se la risposta è affermativa, prosegue nella consultazione della foglia ponendo altre domande, finchè non arriva una risposta affermativa, al che cambia il gruppo di foglie.
Il processo continua così finché, il lettore non riceve una serie di risposte affermative di chi lo interpella.
Allora annuncia che, con molta probabilità, la foglia nelle sue mani, dovrebbe essere quella giusta, ma, per saperlo, deve passare ai dettagli dei nomi che, vanno, confermati. (Sino a tale momento, non viene menzionato nessun nome dei parenti del soggetto in questione).

A questo punto dopo aver trovato la giusta foglia il lettore descrive in modo generico le posizioni planetarie e siderali al momento della nascita del soggetto e conclude così l’analisi della sezione generale della foglia Naadi. Chi vuole può poi passare alle altre 13 sezioni – una corrispondente a ciascuna delle 12 case oltre as una per la precedente incarnazione.
Un aspetto curioso della lettura delle foglie Naadi è che sembrano descrivere come presente l’attuale situazione di chi le interpella, quasi che millenni fa, lo scrittore avesse saputo con precisione, non solo che quella determinata persona sarebbe giunta a farsi leggere il proprio destino, ma anche, quando, di preciso.

(Per chi è interessato puòvedere il video che ne parla)


Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

Argomenti simili

Crea un account o accedi per rispondere

È necessario connettersi per poter rispondere.

Registrati

Entra nella community creando un account, è facile!


Crea un nuovo account

Accedi

Hai già un'account? Allora accedi!


Accedi

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum